Novità e aggiornamenti

Seguici per essere sempre aggiornato sulle iniziative del B&B Cà di Benaglia
Home » Viva il Verde Staffetta Ambientale “Roma-Loiano”

La staffetta ambientale Roma – Loiano, viva il Verde è un’iniziativa della Proloco di Loiano che nasce con l’intento di promuovere cultura, sensibilità e impegno sui temi legati alla sostenibilità ambientale. Un messaggio itinerante che viaggerà per quasi 400 chilometri grazie ad una staffetta che, partendo da Roma, e attraversando un pezzo di Italia giungerà a Loiano, in provincia di Bologna per concludere la sua missione. I podisti di questa staffetta ambientale, raggruppati in squadre, si alterneranno in una corsa della durata di 36 ore, da sabato 10 agosto a domenica 11 agosto 2019. La prima edizione della staffetta ambientale di Viva il Verde si è svolta nel 1986 mentre nel 1996 ha preso il via la seconda edizione.

PERCHÉ LOIANO?

Loiano è un paese dell’Appennino Tosco-Emiliano che ha sempre dimostrato un’attenzione particolare all’ambiente. Anche se non è noto a tutti, Loiano, grazie ad un sindaco illuminato, Arnaldo Naldi, nel lontano 1986 vietò l’utilizzo delle borsine di plastica. Successivamente vennero realizzate una serie di iniziative per sollecitare nella popolazione, soprattutto fra i giovani, una coscienza ecologica considerata un investimento per il futuro.

Per prima cosa si ripulì tutto il territorio dalle discariche abusive creando una task force di volontari, dipendenti comunali ed alcuni imprenditori per un’iniziativa denominata “Sabato per l’ambiente”. In breve tempo furono raccolte 30 tonnellate di rifiuti e il paese e le sue valli assunsero l’aspetto da cartolina di un paesaggio svizzero. Inoltre, nel 1987, anticipando quello che sarebbe diventato un trend nazionale, fu istituita la raccolta differenziata di carta, vetro, lattine, batterie esaurite, medicinali scaduti, olii usurati ed altri rifiuti ingombranti e difficilmente smaltibili.

La storia del piccolo paese dell’Appennino bolognese valicò i confini provinciali e fu portato ad esempio in tutta Italia, diventando oggetto di studio in convegni e dibattiti pubblici. La vocazione loianese alla difesa dell’ambiente e alla conservazione del patrimonio, nasce dalla consapevolezza di dover tutelare uno dei bei più panorami appenninici del Paese. Una vocazione che non si manifesta solo nell’ambiente e nel turismo, ma anche nelle produzioni autoctone e nelle buone pratiche ambientali.
Lo testimonia la certificazione ambientale delle sue aziende agricole che producono latte di alta qualità e cereali biologici; lo conferma la creazione del primo mercatino comunale del riuso della regione Emilia Romagna, integrato nel centro di raccolta dei rifiuti. Questa attività di recupero ha sottratto nel primo anno e mezzo 106 quintali di materiali dal ciclo dei rifiuti e fruttato un introito di 12 mila euro, impiegato in attività didattiche sulla raccolta differenziata e sul rispetto dell’ambiente.